Le straordinarie proprietà delle piante

di Salvatore Satanassi – Naturopata

Capita spesso, per moda o per “recenti studi scientifici” di turno, di riconoscere a qualche nuova pianta proprietà incredibili. Praticamente, una sola pianta alle volte potrebbe sembrare la panacea per ogni malanno. Ma siamo sicuri che sia proprio così?

Se fosse, avremmo risolto tutti i nostri problemi. Faccio un esempio: mia moglie è una donna straordinaria, bella, sa cucinare, tiene la casa pulita, è una ottima amante e mi ama alla follia, insomma io con lei sto veramente bene e anche gli altri lo possono confermare. Quindi lei, se si potesse clonare, sarebbe la moglie ideale per ogni uomo. Ecco l’errore. Potenzialmente potrebbe essere una moglie ideale per ogni uomo ma in realtà è tale solo per me, poiché con una altra persona potrebbero verificarsi situazioni completamente diverse. Lo stesso avviene con le piante.

Alcune con noi possono non realizzare il loro potenziale, che si determina invece con altre persone. Non è solo l’effetto del fitocomplesso o dell’archetipo della pianta, ma del suo spirito. Come una persona che non sa cucinare ma per te imparerebbe a farlo, così un Tiglio, che dovrebbe rilassare il sistema nervoso, potrebbe nella persona eletta avere anche effetti molto più mirati su tutto il quadro e magari aiutare a risolvere problemi che difficilmente potrebbero essere associati al Tiglio. Oppure una Valeriana nonostante sia ipnotica potrebbe non permettere il rilassamento di certe persone. Le spiegazioni di ciò possono essere tante: dal terreno diverso, ad un quadro complesso, ad un archetipo che non combacia con la persona, a risposte biochimiche inappropriate a quel soggetto, o ad altre motivazioni ancora. Sta di fatto che se riconosciamo che le piante abbiano una loro coscienza ed un loro spirito, noi possiamo chiedere loro il permesso di utilizzarle.

img_9284

E’ per questo motivo che alcuni preparati, come quelli di Remedia, risultano spesso più efficaci di altri: perché viene chiesto il permesso e l’aiuto alle piante, non ci si limita a sfruttare la loro chimica. Ecco perché, per esempio, può risultare sufficiente un rimedio come lo Spirito del Noce dove solo i principi attivi presenti nel preparato non spiegherebbero una azione così profonda e modulante a livello fisico e energetico. Con lo Spirito degli Alberi entriamo infatti in relazione con questa pianta, e sin dal momento della raccolta chiediamo così aiuto e sostegno. Se le siamo affini o simpatici ci aiuterà, nel limite delle sue capacità. Ci vuole molta fede in questa visione e meno in quello che afferma la scienza, che per molti è pur sempre una credenza. Se ci affidassimo anche a ciò che è intuitivo, a quello che sentiamo oltre a quello che dovremmo vedere, potremmo capire che questa relazione tra esseri viventi si alimenta anche di uno scambio su ambiti energetici sottili.

Basti pensare agli shamani, ai popoli delle foreste, ai guaritori di un tempo che senza sapere un fico secco di chimica o biologia, percepiscono che una certa pianta si presta per determinati disturbi, o meglio per determinate persone. La scienza potrebbe asserire che nei secoli qualcuno ha provato, casualmente, l’efficacia di una pianta in corrispondenza di un disturbo, e che poi queste conoscenze si sono tramandate. E’ una versione che lascia alquanto perplessi. Nella sperimentazione dello Spirito degli Alberi, tante persone hanno potuto raccontare le medesime percezioni rispetto ad una pianta, e questo in soggetti dotati di una comune sensibilità. Non si tratta di accantonare la scienza, tutt’altro; essa stessa dovrebbe però tenere conto che ciò che non può, o forse non vuole dimostrare, non può permettere di negarne l’esistenza. La scienza può affermare ciò che sa ma non può negare ciò che non sa. La scienza non è la verità ma il frutto di un percorso votato a evolvere, quindi espressione ancora parziale.

La scienza deve continuare il proprio nobile percorso rifuggendo una posizione dogmatica poiché il dogma è come un recinto elettrico che limita il potenziale.

Le piante, dal canto loro, sono esseri senzienti. E’ dimostrato anche con le macchine della verità applicate alle loro strutture che evidenziano determinate reazioni in base alle interazioni con persone diverse o alle loro intenzioni.

Le piante sono state nella storia del mondo la principale cura per tante persone. È solo la miopia dell’uomo moderno che non riconosce questo potere che va oltre la chimica, con la presunzione che la natura debba asservire completamente la volontà egoica dell’uomo, un essere che vorrebbe vincere la morte senza ancora aver capito che è vita, come lo è l’espirare dopo aver inspirato. Insomma, l’arroganza dell’uomo gli fa credere di poter perfezionare qualcosa che è già perfetto (non si può dire più perfetto!), ciò che già segue una coerenza, una sensatezza, una saggezza. Ancora qualcuno è convinto che la morte sia inconcepibile, un errore, ingiusta, e quindi anche la malattia, senza mai potersi domandare il senso reale delle cose poiché si vuole dare la colpa alla natura cattiva, a qualcosa di esterno a noi.

Forse manca, in tutto questo, una cultura sul significato della vita. Non ce la vogliono insegnare! E la natura, che invece lo insegna se le si vive accanto, viene sempre più esclusa dalle nostre vite impegnate solo a produrre l’illusione di ricchezza e di felicità.

La natura è nostra alleata nel percorso di vita, è la forza che ci può sostenere. Anche le capre sanno di dover mangiare determinate piante in certe circostanze. I fiori di Bach e lo spirito degli Alberi sono l’evoluzione o il ritorno a questa verità che va oltre le proprietà chimiche e va a tracciare una relazione animica con questi alleati.

La scelta dei rimedi dovrà per forza sempre più dirigersi verso modalità intuitive o legate alla sensibilità piuttosto che al solo calcolo mentale. Conta più l’affinità con quella pianta dei suoi principi attivi. In ogni caso, questa è una considerazione e, vera, logica o fantasiosa che sia, non deve sostituire nulla. Semplicemente esiste ed è alla portata di tutti e ciascuno saprà valutare e percepire quanto questa relazione sia potente e tangibile. Trovare alleati è un gioco da bambini, non c’è nulla di più semplice, purché si permetta questo flusso. C’è un mondo che vuole derubare la natura dei suoi tesori più preziosi trasformandola in soli principi attivi che già sappiamo come stanno fallendo per l’effetto tossico che si cela dietro. Invece oltre ai principi attivi (o meglio il fitocomplesso) le piante possono dare il loro aiuto attraverso una relazione e risonanza con il loro messaggio più spirituale.

Questo non è marketing, perché le piante sono nel mondo e sono di tutti e per tutti.Si tratta di imparare a conoscerle.

Se le incontriamo come fossero maestri, perché tali sono, e se gli sarete simpatici, vi aiuteranno!

naturopatiSalvatore Satanassi – naturopata. Disponibile per consigli e consulenze presso Azienda Remedia, il martedì e mercoledì dalle ore 9 alle ore 12,30. Chiama il n. 0547 95352 o scrivi a info@remediaerbe.it

Scienza medica e Spirito degli Alberi

di Hubert Boesch

autunno_alberi

Parlando nei termini della medicina ufficiale non si può dire che lo Spirito degli Alberi aiuti nella cura di un DISTURBO. Non diremo che, per fare un esempio, lo Spirito della Quercia aiuti a curare l’anoressia. Noi diciamo che l’intervento di rimedi come lo Spirito degli Alberi è utile per CHI soffre di anoressia. La differenza è sostanziale e denota la diversità di approccio tra medicina ufficiale e medicine vibrazionali di cui fanno parte l’omeopatia, i Fiori di Bach e anche lo Spirito degli Alberi.
La medicina ufficiale cura esclusivamente il corpo fisico, anzi considera l’organismo umano solo un accumulo di molecole che interagiscono tra di loro tramite processi chimici. E’ un modo di vedere il mondo, e di conseguenza anche la salute, che porta il vantaggio di semplificare i processi vitali. Ma proprio questa semplificazione dimostra sempre di più i suoi limiti. Mentre ha indubbiamente avuto successo nel combattere le malattie infettive (aiutata non di poco anche dalle migliori condizioni igieniche e nutritive) si dimostra piuttosto incapace di risolvere problemi legati alla sfera emotiva e psichica, per non parlare di tumori, malattie autoimmuni e così via.
In pratica, le persone si ammalano meno di malattie infettive ma si ammalano di più di tutta una serie di disturbi che fino a qualche decennio fa erano molto rari. Perciò sembra che la medicina ufficiale abbia solo spostato il malessere del genere umano da malattie infettive a disturbi psichici, tumori, problemi cardiovascolari, per citarne solo alcuni. Basta guardare quante persone sono condannate a prendere per tutta la vita farmaci con il rischio di frequenti disturbi iatrogeni. Circa la metà degli over 60 prende almeno 5 farmaci al giorno. Una persona curiosa dovrebbe chiedersi se l’approccio della medicina ufficiale sia l’unico possibile o se non ce ne possano essere di più utili alla salute pubblica.
La nostra ricerca verte su di una prospettiva in cui oltre la materia esiste ed opera anche l’energia vitale e l’anima in ogni cosa vivente. Ci piace pensare a una evoluzione individuale e collettiva non casuale, ma con uno scopo. Da questo punto di vista le malattie possono essere viste come “avvertimento” che cerca di dire che abbiamo bisogno di cambiare qualcosa nella vita. Potremmo avere solo bisogno di riposare per qualche giorno, oppure di cambiare un atteggiamento, un comportamento, ma forse anche la visione del mondo. Spingendo questa visione ancora più in là, arriveremmo a considerare la malattia come il segno di un blocco nella nostra evoluzione. Perciò la malattia diventa uno strumento per cambiare atteggiamenti e comportamenti inadeguati o dannosi e progredire nell’evoluzione. Dove riusciamo a realizzare questa capacità di adattarci con mutevolezza e armonia a ciò che ci fa crescere, come individui e come specie, anche le malattie tendono a rarefarsi.
Potremmo quindi dire che lo Spirito della Quercia è utile a chi soffre di anoressia perché aiuta a vivere in modo equilibrato l’esistenza fisica. Nell’anoressia abbiamo un rifiuto di alcuni aspetti della fisicità del nostro corpo. Se con l’aiuto della Quercia impariamo a vivere gli aspetti materiali della vita in modo equilibrato, a stare con i piedi per terra e a ritrovare l’istinto di sopravvivenza (queste sono le virtù e i messaggi di questa possente pianta), l’anoressia non trova più spazio.
Qualcuno dirà che tutto questo non è scientifico. Dipende da cosa si intende con scientifico. Naturalmente è incompatibile con il monoteismo scientifico che non accetta altri punti di vista ed è purtroppo diventato religione di stato. La storia insegna che proprio a livello scientifico quello che in un determinato momento è considerata la verità facilmente dopo un certo lasso di tempo diventa una sciocchezza. Perciò attenzione a qualunque dogma, anche scientifico.
Guardando senza paraocchi si potrebbe anche dire che la medicina ufficiale in fondo è meno scientifica di alcune discipline chiamate dai loro sostenitori pseudoscientifiche. Prendiamo come esempio l’effetto medicamentoso di una sostanza:
la medicina ufficiale non riesce a prevedere l’effetto di una sostanza medicamentosa e tanto meno i suoi effetti collaterali e ha bisogno di numerose cavie animali e umane e calcoli statistici (che sono facilmente manipolabili) per stabilire gli effetti di una sostanza. E spesso, solo dopo diversi anni di utilizzo, si scoprono effetti indesiderati molto gravi(vedi Vioxx).
Invece, in omeopatia, per conoscere tutti gli effetti di una sostanza basta il prooving di poche persone. Praticamente queste persone assumono il rimedio ripetutamente finché non si sviluppano i sintomi che quella sostanza può curare. Tutto senza alcun effetto negativo sulla persona che fa la sperimentazione, anzi generalmente con un effetto positivo sullo stato di salute.
Per scoprire a cosa serve lo Spirito di un albero noi facciamo una sperimentazione simile a quella omeopatica e questo ci permette di capire quale qualità trasmette lo Spirito.