Condi-visioni sulla..salute!

di Rosa

In questi giorni, che ci vedono impegnati nell’organizzare manifestazioni di protesta contro le vaccinazioni di massa e camminate per il valore dell’Acqua-Bene Comune, riflettevo sull’importanza della nostra Vita, intesa come salute, scelte, parole, responsabilità individuale e del Potere che spesso dimentichiamo di avere come individui liberi e sani, una vera minaccia per chi ci vorrebbe schiavi e malati.

Sento che abbiamo ancora molta strada da fare per armonizzarci al meglio e sintonizzarci tutti sul concetto di Salute, ma siamo già a un buon punto, grazie al lavoro di Antichi e Attuali Maestri, la cui missione va onorata, ed è per questo che proprio ora dovremmo stare uniti, sensibilizzare ed essere informati.

Essere in salute significa da sempre stare in armonia con la Natura che ci circonda, che comunica con noi, che ci dona esempi, e ammorbidire quegli aspetti che ancora ci portano a “compartimentare” la nostra visione per paura di qualcosa.

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Prendersi cura di sè considerando solo la punta dell’iceberg, con azioni di “lotta verso qualche agente patogeno”, è un vecchio paradigma. Tanti continuano a curare le malattie, seppur con metodi naturali, e non l’individuo “ammalato” o il suo stile di vita, allontanandosi così dal vero nucleo della Salute intesa come scelta, come percorso e come acquisizione di strumenti e di responsabilità. Responsabilità nei confronti di noi stessi e di un sistema formato da tanti individui, che non per forza devono sostenersi nella malattia grazie al concetto di assistenza sanitaria, ma che in primis dovrebbero sostenersi nella salute, concetto più sostenibile di sicuro e che costerebbe molto meno anche in termini economici!

Alla base del pensiero e della visione energetica ed olistica dell’Antica Medicina Cinese, vi è il rapporto continuo e costante tra l’uomo e l’universo-ambiente che lo circonda. L’uomo è un essere immerso nel mondo della natura ed è costantemente in contatto con i fenomeni cosmici, da qui deriva uno dei più importanti postulati della Filosofia e della Medicina Cinese:

Conoscere l’alto (l’astronomia), il Basso (la geografia), il Mezzo (le cose umane) è sussistere per lungo tempo..

Curate il corpo umano senza seguire le regole della natura: la malattia si produrrà.”

Continue reading

Le straordinarie proprietà delle piante

di Salvatore Satanassi – Naturopata

Capita spesso, per moda o per “recenti studi scientifici” di turno, di riconoscere a qualche nuova pianta proprietà incredibili. Praticamente, una sola pianta alle volte potrebbe sembrare la panacea per ogni malanno. Ma siamo sicuri che sia proprio così?

Se fosse, avremmo risolto tutti i nostri problemi. Faccio un esempio: mia moglie è una donna straordinaria, bella, sa cucinare, tiene la casa pulita, è una ottima amante e mi ama alla follia, insomma io con lei sto veramente bene e anche gli altri lo possono confermare. Quindi lei, se si potesse clonare, sarebbe la moglie ideale per ogni uomo. Ecco l’errore. Potenzialmente potrebbe essere una moglie ideale per ogni uomo ma in realtà è tale solo per me, poiché con una altra persona potrebbero verificarsi situazioni completamente diverse. Lo stesso avviene con le piante.

Alcune con noi possono non realizzare il loro potenziale, che si determina invece con altre persone. Non è solo l’effetto del fitocomplesso o dell’archetipo della pianta, ma del suo spirito. Come una persona che non sa cucinare ma per te imparerebbe a farlo, così un Tiglio, che dovrebbe rilassare il sistema nervoso, potrebbe nella persona eletta avere anche effetti molto più mirati su tutto il quadro e magari aiutare a risolvere problemi che difficilmente potrebbero essere associati al Tiglio. Oppure una Valeriana nonostante sia ipnotica potrebbe non permettere il rilassamento di certe persone. Le spiegazioni di ciò possono essere tante: dal terreno diverso, ad un quadro complesso, ad un archetipo che non combacia con la persona, a risposte biochimiche inappropriate a quel soggetto, o ad altre motivazioni ancora. Sta di fatto che se riconosciamo che le piante abbiano una loro coscienza ed un loro spirito, noi possiamo chiedere loro il permesso di utilizzarle.

img_9284

E’ per questo motivo che alcuni preparati, come quelli di Remedia, risultano spesso più efficaci di altri: perché viene chiesto il permesso e l’aiuto alle piante, non ci si limita a sfruttare la loro chimica. Ecco perché, per esempio, può risultare sufficiente un rimedio come lo Spirito del Noce dove solo i principi attivi presenti nel preparato non spiegherebbero una azione così profonda e modulante a livello fisico e energetico. Con lo Spirito degli Alberi entriamo infatti in relazione con questa pianta, e sin dal momento della raccolta chiediamo così aiuto e sostegno. Se le siamo affini o simpatici ci aiuterà, nel limite delle sue capacità. Ci vuole molta fede in questa visione e meno in quello che afferma la scienza, che per molti è pur sempre una credenza. Se ci affidassimo anche a ciò che è intuitivo, a quello che sentiamo oltre a quello che dovremmo vedere, potremmo capire che questa relazione tra esseri viventi si alimenta anche di uno scambio su ambiti energetici sottili.

Basti pensare agli shamani, ai popoli delle foreste, ai guaritori di un tempo che senza sapere un fico secco di chimica o biologia, percepiscono che una certa pianta si presta per determinati disturbi, o meglio per determinate persone. La scienza potrebbe asserire che nei secoli qualcuno ha provato, casualmente, l’efficacia di una pianta in corrispondenza di un disturbo, e che poi queste conoscenze si sono tramandate. E’ una versione che lascia alquanto perplessi. Nella sperimentazione dello Spirito degli Alberi, tante persone hanno potuto raccontare le medesime percezioni rispetto ad una pianta, e questo in soggetti dotati di una comune sensibilità. Non si tratta di accantonare la scienza, tutt’altro; essa stessa dovrebbe però tenere conto che ciò che non può, o forse non vuole dimostrare, non può permettere di negarne l’esistenza. La scienza può affermare ciò che sa ma non può negare ciò che non sa. La scienza non è la verità ma il frutto di un percorso votato a evolvere, quindi espressione ancora parziale.

La scienza deve continuare il proprio nobile percorso rifuggendo una posizione dogmatica poiché il dogma è come un recinto elettrico che limita il potenziale.

Le piante, dal canto loro, sono esseri senzienti. E’ dimostrato anche con le macchine della verità applicate alle loro strutture che evidenziano determinate reazioni in base alle interazioni con persone diverse o alle loro intenzioni.

Le piante sono state nella storia del mondo la principale cura per tante persone. È solo la miopia dell’uomo moderno che non riconosce questo potere che va oltre la chimica, con la presunzione che la natura debba asservire completamente la volontà egoica dell’uomo, un essere che vorrebbe vincere la morte senza ancora aver capito che è vita, come lo è l’espirare dopo aver inspirato. Insomma, l’arroganza dell’uomo gli fa credere di poter perfezionare qualcosa che è già perfetto (non si può dire più perfetto!), ciò che già segue una coerenza, una sensatezza, una saggezza. Ancora qualcuno è convinto che la morte sia inconcepibile, un errore, ingiusta, e quindi anche la malattia, senza mai potersi domandare il senso reale delle cose poiché si vuole dare la colpa alla natura cattiva, a qualcosa di esterno a noi.

Forse manca, in tutto questo, una cultura sul significato della vita. Non ce la vogliono insegnare! E la natura, che invece lo insegna se le si vive accanto, viene sempre più esclusa dalle nostre vite impegnate solo a produrre l’illusione di ricchezza e di felicità.

La natura è nostra alleata nel percorso di vita, è la forza che ci può sostenere. Anche le capre sanno di dover mangiare determinate piante in certe circostanze. I fiori di Bach e lo spirito degli Alberi sono l’evoluzione o il ritorno a questa verità che va oltre le proprietà chimiche e va a tracciare una relazione animica con questi alleati.

La scelta dei rimedi dovrà per forza sempre più dirigersi verso modalità intuitive o legate alla sensibilità piuttosto che al solo calcolo mentale. Conta più l’affinità con quella pianta dei suoi principi attivi. In ogni caso, questa è una considerazione e, vera, logica o fantasiosa che sia, non deve sostituire nulla. Semplicemente esiste ed è alla portata di tutti e ciascuno saprà valutare e percepire quanto questa relazione sia potente e tangibile. Trovare alleati è un gioco da bambini, non c’è nulla di più semplice, purché si permetta questo flusso. C’è un mondo che vuole derubare la natura dei suoi tesori più preziosi trasformandola in soli principi attivi che già sappiamo come stanno fallendo per l’effetto tossico che si cela dietro. Invece oltre ai principi attivi (o meglio il fitocomplesso) le piante possono dare il loro aiuto attraverso una relazione e risonanza con il loro messaggio più spirituale.

Questo non è marketing, perché le piante sono nel mondo e sono di tutti e per tutti.Si tratta di imparare a conoscerle.

Se le incontriamo come fossero maestri, perché tali sono, e se gli sarete simpatici, vi aiuteranno!

naturopatiSalvatore Satanassi – naturopata. Disponibile per consigli e consulenze presso Azienda Remedia, il martedì e mercoledì dalle ore 9 alle ore 12,30. Chiama il n. 0547 95352 o scrivi a info@remediaerbe.it