E’ tempo di…pollini!

di Hubert Boesch

Già a febbraio alcuni alberi si svegliano dalla quiete invernale e cominciano a pensare alla riproduzione. Come si può osservare in certi giorni, i fiori maschili liberano nell’aria nuvole di pollini portati lontani dal vento. Lo fanno per fecondare i fiori femminili, non per fare un dispetto alle persone allergiche. Il polline è in fondo una sostanza innocua per l’organismo, il quale per qualche sconosciuto motivo reagisce in modo esagerato.

SONY DSC

Ma a pensarci bene i motivi forse non sono così oscuri. Perché il problema, in realtà, non è il polline con cui l’organismo umano nella sua lunga evoluzione dovrebbe aver imparato a convivere. E’ meglio chiedersi perché il corpo scateni una guerra contro sostanze che non presentano un particolare pericolo e per quale motivo questo succede a un numero di persone in forte crescita negli ultimi decenni. Per comprendere meglio le cause del comportamento apparentemente illogico del sistema immunitario dobbiamo allargare la visione invece di guardare solo il processo allergico. In questo modo possiamo scoprire diversi aspetti interessanti che aiutano a comprendere i vari motivi che sono principalmente: vaccinazioni, inquinamento e alimentazione.

Vaccinazioni

Probabilmente le vaccinazioni sono i principali responsabili dell’epidemia di allergia. Basta usare il buon senso per comprendere gli effetti della vaccinazione, non servono strumenti scientifici. Immaginiamo cosa succeda all’organismo con le vaccinazioni in età pediatrica. Il sistema immunitario del bambino è in via di formazione e sta imparando a difendersi. In natura i germi devono faticare un bel po’ per entrare all’interno dell’organismo e nel sangue perché le mucose e altre barriere cercano di impedire l’accesso. Meno germi arrivano negli organi e nel sangue, meglio riesce a difendersi l’organismo. Ecco perché l’igiene è importante! Riduce il numero di germi con cui il corpo viene a contatto e così è più facile difendersi. Ma non dev’essere esagerata perché le difese del corpo hanno bisogno del continuo esercizio per mantenere l’efficacia.

Ora vediamo cosa succede con le vaccinazioni: da un momento all’altro arrivano milioni di germi inattivati direttamente all’interno dell’organismo, una cosa che in Natura non potrebbe mai succedere. Il risultato è uno spavento immenso che segnerà il sistema immunitario per tutta la vita. La lezione che impara è che possono arrivare in un secondo milioni di germi all’interno del corpo. Che conclusione può trarre da questo, ignaro che l’uomo ha sconvolto i processi naturali? Una possibile conclusione a cui giungerebbe l’organismo, è che bisogna difendere meglio i confini, aggredendo ogni cosa sospetta. Ed ecco che abbiamo la reazione allergica. Oppure rimane “demoralizzato” e non si difende più con forza. E così abbiamo i bambini che si ammalano da 5 a 10 volte all’anno, oggi ormai considerata una frequenza quasi normale.

Inquinamento

Oggi siamo tutti, chi più e chi meno, esposti a una serie di inquinamenti. L’aria, specialmente nelle grande città, è satura di sostanze tossiche che respirando entrano nell’organismo. L’acqua spesso contiene metalli pesanti e pesticidi, anche se in piccole quantità, che si accumulano nel corpo. Gli alimenti, il più delle volte, almeno che non mangiamo biologico (vero!), contengono tracce di pesticidi, conservanti, coloranti e altre sostanze che inquinano l’organismo. Non dimentichiamo le sostanze chimiche presenti nei cosmetici e i profumi sintetici presenti nei prodotti di pulizia, per “profumare” l’aria ecc. A tutto questo si aggiungono i farmaci e le sostanze tossiche contenute nei vaccini.

Un bombardamento di tossine che anche un organismo sano fa fatica a eliminare, visto che sono molecole sconosciute nell’evoluzione umana e per le quali il corpo non ha sviluppato valide strategie di eliminazione. Non è da meravigliarsi che in questa situazione gli organi emuntori sono in sovraccarico. Così l’allergia è un modo per dire basta e per evitare che si aggiungano anche pollini o altre sostanze.

Alimentazione

Quasi sempre eliminare latte, latticini e zuccheri dalla dieta porta a un miglioramento dei sintomi allergici. Il motivo è che un’alimentazione errata causa uno squilibrio della flora intestinale e del metabolismo in generale. Nell’intestino si formano tossine che invadono il corpo e il metabolismo non funziona più nel modo ottimale. Così può succedere che il corpo reagisca con irritazione al contatto con alcune sostanze.

Come rimediare all’allergia

Prima di tutto bisogna cambiare stile di vita, vivere più in armonia con la Natura e avere fiducia in Lei e nel proprio corpo. Il nostro organismo è progettato per stare in salute, però ha bisogno che ci nutriamo e viviamo in modo salubre e che siamo disposti a imparare le lezioni della vita. Inoltre la Natura fornisce tutti gli strumenti per ristabilire la salute se dovessimo perderla. Perciò possiamo vivere senza aver bisogno di vaccinare o di assumere farmaci.

Naturalmente oggi nessuno può sfuggire totalmente all’inquinamento, ormai onnipresente. Tuttavia possiamo, oltre a evitare il più possibile le fonti di inquinamento, aiutare il corpo a ripulirsi grazie alle gemme ed erbe che aiutano il fegato e i reni a svolgere al meglio il loro lavoro. Può essere importante anche il gemmoderivato Prunus spinosa che stimola l’eliminazione di farmaci e sostanze chimiche.

Invece, per sostenere i processi fisiologici preposti a controllare le reazioni allergiche, si è dimostrato di grande aiuto la miscela di gemmoderivati Aller. Eventualmente coadiuvata dall’Olio di Nigella-Rosa, ricco di acidi grassi insaturi di cui l’organismo ha bisogno per controllare le reazioni allergiche.

Sul piano dell’evoluzione personale, l’allergia denota un conflitto con il mondo esteriore. L’allergia al polline o altra sostanza non è altro che l’espressione fisica del non sopportare qualche aspetto della nostra vita che ha a che fare con l’ambiente esterno. Perciò ci chiede di cambiare qualcosa nella nostra vita oppure di cambiare almeno l’atteggiamento verso quello che ci disturba. In quest’ultimo caso può aiutare lo Spirito del Tiglio che rinforza la capacità di incontrare, comunicare e comprendere quello che è diverso. Perciò aiuta il sistema immunitario a incontrare il polline o l’allergene senza scatenare una guerra inutile.

2 thoughts on “E’ tempo di…pollini!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *