Come realizzare un infuso fresco, passeggiando tra erbe spontanee

Di LaRose

Mi trovo a osservare le amiche piante durante le mie passeggiate all’alba e al tramonto, quando la luce del sole le inonda e ne rimarca la sottile ma vitale verde trasparenza, che si era sopita con il troppo calore estivo.
In compagnia dei miei amici a quattro zampe, scopro che anch’essi sono stimolati e condotti dal loro sapiente istinto a mangiucchiare le cime fresche e vitali delle amiche piante.
Cosa c’è di meglio di qualche verde e fresca cima d’erba per ripulirsi un po’?

Osservando gli animali mi connetto nuovamente anch’io, avvertendo chiaro il desiderio e la fame di fresco verde, che mi doni pulizia e forza: tarassaco, ortica, fiori di malva, fusti di equiseto e lanceolata piantaggine. Colgo il vostro messaggio; voi che portate ai miei occhi il duplice monito di questo passaggio stagionale: depurazione e rinforzo! 

Passeggio e onoro la vostra presenza con gratitudine, nei terreni ora incolti, dove il grano è già stato raccolto e dove la monocoltura spesso ha impoverito la terra. Adorate erbe spontanee di fine estate, riemerse grazie alla frescura e alle piogge, che ricucite e risanate la Madre Terra con le vostre trame di radici e il vostro apporto di preziosi minerali.

EQUISETO

Prima depurarsi e poi prevenire…

A differenza della primavera, che parla al nostro fegato sul finire dell’inverno, l’autunno sussurra all’intestino e alla nostra pelle in previsione dell’inverno.

Lo fa, infatti, dopo l’estate; che per molti di noi è stata una stagione di svago, di viaggi e piaceri, ma anche di sbalzi di temperatura o esagerata esposizione al sole. Piccoli stress e cambiamenti di stile di vita in veste “turistica”, spesso “fugaci ma intensi”, che sempre strapazzano un pò il nostro apparato digerente, che a fine estate lancia chiari segnali di ingombro tossinico.
L’umore è un pochino altalenante, la concentrazione arranca, lo stomaco lancia segnali di fumo…l’intestino fatica a ritrovare l’equilibrio e il suo borbottare si fa portavoce di un desiderio di pulizia e riordino.

Necessario quest’ultimo, per garantirci un’efficace prevenzione e un provvidenziale funzionamento del sistema immunitario, la cui risposta viene proprio da un intestino felice e con le idee chiare!
Focalizzati e leggeri grazie a un’azione che non sia solo depurativa, ma anche remineralizzante e ricostituente.

Per il cambio di stagione estate-autunno, quando una parte di noi desidera alleggerirsi, ma un’altra parte ci ricorda che è bene anche rinforzarsi, si prestano per una breve ma provvidenziale depurazione alcune erbe spontanee che possiamo incontrare durante una passeggiata, le cui virtù possiamo accogliere sotto forma di infuso, decotto o estratto idroalcolico:

Come fare un infuso di erbe spontanee fresche?

Una volta rientrati a casa dalla vostra passeggiata pesate il raccolto: per ogni 25 grammi di erbe ponete a bollire 300ml di acqua. Molto meglio se di bottiglia!
Non solo, per apprezzare meglio il risultato finale (poi vedrete!), bensì per onorare il raccolto con un’acqua di pari bontà e purezza!
Una volta pesato e calcolato quanta acqua mettere a bollire, lavate fugacemente sotto l’acqua corrente il raccolto.

Ricordate di mettere da un lato l’equiseto, se presente all’appello, perchè se presente sarà il primo che “sacrificherete agli Dei”quando l’acqua bollirà. Questo perché per le parti più dure delle erbe o fusti ricchi di minerali (silicio), come quelli dell’equiseto, meglio eseguire una vera e propria bollitura a fiamma bassa e pentola con coperchio (decozione), per almeno 15-20 minuti.

Invece per le altre erbe, fiori, foglie morbide o giovani steli si utilizza il metodo dell’infusione, cioè quando l’acqua bolle si spegne la fiamma, si immergono le erbe per 10 minuti (sempre con il coperchio per non perdere nell’aere tutti i principi volatili di quest’ultime!)
Filtrate infine il tutto con attenzione.

Ora scoprirete che non solo le tisane fatte con erbe fresche regalano al palato un sapore che risulta molto più rotondo e vellutato, ma offrono ai nostri occhi un vero e proprio spettacolo per l’Anima, dato dal colore finale dell’acqua. Un infuso pieno della stessa vitale, fresca e verde brillatezza che durante la passeggiata non ha saputo trattenere la nostra mano e il nostro cuore dal coglierle per portarle con noi!

Il Sole arriva…tu che fai?

di “LaRose”

La trascorsa lieta primavera sta congendandosi da noi e, mentre ancora non ha scandito appieno il suo ” Arrivederci”, già sento l’odore dei fiori di iperico e il calore dell’Estate che avanza a grandi passi!

Sotto gli occhi dei più attenti osservatori di macchia mediterranea, l’iperico, a partire dalla primavera inoltrata, fino ai primi freddi autunnali, produce grandi fiori di colore giallo oro, a stella, con appariscenti stami gialli. Ogni anno, più o meno in questa stagione, i miei occhi partono alla ricerca dei suoi capolini fioriti e mi sorprendo di come, molto spesso, laddove l’anno prima era presente quest’anno non lo riveda più!

Amo quando i miei occhi poi lo incontrano “casualmente” magari nel mentre di un leggiadro cammino distratto quando il pensiero si posa in luoghi, che a ragion veduta nemmeno contemplavo e toh proprio là… il suo fiore giallo oro mi cattura! Mi cattura e mi ricorda che sì…ci siamo quasi…tra circa una settimana sarà la Notte a lui dedicata…la notte dell’erba di San Giovanni collocata nel giorno 24 giugno, giorno che di poco seguirà la celebrazione del Solstizio estivo (20-21 giugno).

E’ con la mente inebriata di giallo, di oro, di sole e d’estate che penso allora a quanti di noi in questa stagione, dimentichi di tutto e di tutti o desiderosi quanto prima di farlo, si abbandonano in ogni ritaglio di tempo libero a selvaggi bagni di sole come per abbeverarsi della sua forza vitale e vederla imprimersi sulla nostra pelle cancellando definitivamente quel tono un po’ spento o ancora stanco e ancora troppo intriso di pioggia e grigiore!

COME OGNI ANNO …DI QUESTI TEMPI, LA TEMATICA SI FA SCOTTANTE!
Ed eccoci alla ricerca di filtri di protezione solare che ci permettano l’esposizione illimitata a costo zero! Quando è la tintarella che parla spesso anche il più olistico di noi cade nella trappola e nel tormentone…quale filtro dovrò usare?

FILTRIAMO CON UN PO’ DI INFORMAZIONE E BUON SENSO…
…e capiremo ben presto che esporsi al sole in nome del fatto che, “tanto c’è il filtro“, è un po’ un trabocchetto nocivo che ci condurrà verso una deriva poco green….ovvero più ci si filtra più ci espone quindi più ci si espone più aumentano i rischi e i danni di cui dovrà farsi carico la pelle…anno dopo anno!

Prepararsi invece con bagnetti di sole più brevi ed estemporanei, magari godendo di un bel SOFFIO DI ACQUA AROMATICA ALLA CAROTA potrebbe essere più saggio e consapevole!

Prima di puntare all’abbronzatura fine a se stessa puntiamo alla vita all’aria aperta ovvero dedichiamo qualche parentesi in più durante la nostra giornata al giardinaggio o all’orto o alla raccolta delle erbe spontanee o alla fotografia con soggetti floreali piuttosto che a passeggiare ascoltando musica o al fare qualsivoglia attività che alla mera ricerca di un abbronzatura accompagni anche uno stato d’animo di pura gioia e di passione…così da tradurre in maniera armonica e rituale il bacio del sole su di noi senza troppo incasellarci in pensieri estetici ma preparando e dilettando anima e pelle al cambio di stagione e di colore!

Ricordiamo che i raggi UVB sono importanti per la trasformazione del colesterolo in vitamina D,dunque che esporsi moderatamente al sole significa davvero fare un pieno di vita poiché questa vitamina è essenziale principalmente per le ossa ma sappiamo anche che la nostra pelle produce melanina come protezione naturale per ripararsi dai raggi ultravioletti…quindi nella fase di preparazione alla tintarella consapevole sarà di grande aiuto idratare a fondo la pelle ed aiutarla nell’eliminare le cellule morte che giacciono inermi dopo essere state soffocate dagli strati di vestiti invernali e anche dalle poche docce!
Dai rompiamo questo tabù ovvia…d’inverno ci si lava meno! Oh che bello l’ho detto!

Quindi avanti tutta con SCRUB SOLARIS che esfolia e nutre il nostro tempio sacro e lo prepara al bacio dell’estate col il suo giallo oro dato dalla curcuma!
Già dalla Curcuma, ma non solo, poiché in questa sapiente formula troviamo oli di girasole, sesamo e jojoba che veicolano sulla pelle attenti dosaggi di oli essenziali tra cui arancio, rosmarino e menta il tutto organicato per il palato della nostra pelle, da un prezioso miele e armonizzato dal messaggio sacro dei rimedi floreali Olive, Clematis e Centaury…una vera sferzata di vitalità, vigore, freschezza e intesa rituale che coniuga al meglio Anima e Corpo!

È importante quindi SCRUBBARE periodicamente al fine di rimuovere le cellule morte, purificare e liberare a fondo pelle e pori in questo modo l’epidermide risulterà più luminosa, maggiormente recettiva a creme protettive e idratanti e soprattutto, per i cultori dell’incarnato bronzeo,attenzione, così facendo l’abbronzatura durerà di più!

Per i fototipi chiari bene integrare con gemmoderivati almeno a partire da un mese prima dell’esposizione al sole per esempio ribes , olivello e fico (Ribes nigrum, Hippophae rhamnoides e Ficus carica) così da preparare al meglio l’organismo a far fronte all’aggressione solare al quale reagirebbe con eritema.

Utile anche incrementare la quota di acqua che introduciamo nel nostro organismo, arricchendola con i giusti ed indispensabili fattori nutrienti come vitamine (per la pelle e la sua salute di vitale importanza) ma anche di sali minerali e oligoelementi quindi abbondiamo con succhi freschi ed estratti, ma anche integriamo al meglio con qualche settimana di EVELIZA (disponibile anche senza glutine) ALEN che non solo aiuterà la nostra pelle a prepararsi al sole, ma ci renderà più forti e pronti a fronteggiare le sudate estive e quindi la perdita di sali minerali!

A tal proposito spezzerei una lancia anche a favore del miele di melata APIROSA …il cui appellativomiele dello sportivo la dice tutta sul quantitativo di sostanze preziose presenti in questo dolce nettare!

Riguardo ai nostri solari, spero abbiate già sufficienti informazioni ed esperienza in merito ma se così non fosse…
ARRIVEDERCI ALLA PROSSIMA PUNTATA CHE PARLERÁ PROPRIO DI QUESTO!

Primavera e rinascita: un inno alla vita!

La tanto attesa Rinascita primaverile da giorni canta il suo inno vitale

di “LaRose”

Il mese di marzo è fiorito sotto ai nostri occhi assetati dei suoi colori! Le linfe degli alberi risalgono gonfiando gemme e boccioli. Immancabilmente, come ogni anno, rieccoci tutti alla ricerca dell’ultimo miracoloso preparato “DETOX“, depurazione primaverile, che, con le modalità classiche del “tormentone”, riempie prime pagine e rubriche salutistiche… e diciamolo…ci fa perdere anche un po’ della vera naturale poesia della primavera.

Ma non sarebbe meglio prima riconnettersi al meglio con questa stagione dentro di noi, in maniera meno consumistica ma più saggiamente selvatica?!

In questa stagione la medicina cinese colloca la loggialegno, al colore verde, all’organo fegato, che per risonanza energetica riconducibile all’energia primaverile e alle fasi iniziali quindi alla nascita, ai nuovi progetti, al cambiamento, al dinamismo, al vento, all’est, al coraggio e alla determinazione e come momento della giornata, all’alba.

Allora siate insoliti e sorprendetevi!

Usciamo di casa al sorgere del sole e immergiamoci nella prima oasi di natura che incontriamo sul nostro cammino. Ricominciamo questo nuovo ciclo stagionale cercando di carpirne i messaggi non solo con la mente, ma con tutto il corpo e con tutti i nostri sensi…concediamoci un bagno di bosco, magari mattutino e proprio all’alba! Riconnettiamoci alle nostre vere radici facendo esperienza dell’ambiente che ci circonda e dei luoghi selvaggi, pieni di potenziale, già di per sé terapeutici e purificanti.

Le albe primaverili riportano in luce un vero pieno di vita! Un insieme di suoni, odori, colori e immagini che durante l’inverno erano rimasti a lungo sopiti: rondini, regoli, verzellini e fanelli, con il loro cinguettare, schiudono i nostri occhi già alle prime luci del giorno…

Rimandiamo la colazione, magari prendiamo solo qualche goccia del fiore Hornbeam, per uscire dal torpore del sonno, e, mentre il sole sorge, calziamo un bel paio di stivali da campagna (i più temerari possono andare anche scalzi!) e rechiamoci nei pressi di qualche pendio per fare esperienza dell’umido rinvigorente connubio tra terra, erba e rugiada. Non c’è nulla di meglio che lavarsi il viso con la rugiada mattutina.

Provare per credere!

Proprio come fanno le nostre sorelle erbe, quando la “guazza” del mattino le benedice rinnovando la forza nelle loro radici, rettitudine e flessibilità nei loro steli, intensità e ardore nelle loro saporite foglie e nei profumati fiori. Dopo aver attinto un po’ di rugiada e averla portata ai nostri occhi la nostra Anima avrà ricevuto il vero messaggio del risveglio di cui è piena la primavera. Un leggero e delicato sussurro dell’aria basterà per asciugare e rinfrescare la nostra delicata pelle del viso dopo questo bacio umido e selvatico, quella brezza leggera, che esprime al meglio l’elemento che abita “Primavera”.

Basterà a ricordarci chevento“, “movimento” e “rinnovamento sono le parole chiave di questa verdeggiante stagione!

Muoviamo ora qualche passo e osserviamo il suolo…alla ricerca di altri messaggi dal mondo vegetale!

Il giallo Tarassaco spicca sul verde prato!

Fiore somigliante nel colore alla bile, e per forma simile ai lobi epatici, beh, il suo messaggio al caro amico fegato mi sembra molto chiaro!
Si tratta di una delle piante più nutrienti disponibili, offrendo più vitamine e minerali, di qualsiasi altra pianta su questo grande pianeta.
Una tazza di foglie di tarassaco contiene 1 volta e 1/2 i requisiti USDA giornalieri raccomandati per la sola vitamina A
Inoltre contiene anche vitamine B1, B2, B5, B6, B12, C, E, P e D più biotina, inositolo, ferro, calcio, potassio, fosforo, magnesio e zinco! Poderoso antiacido, antiossidante, astringente, amaro, calmante, decongestionante, depurativo, digestivo, diuretico, febbrifugo, ipotensivo, stimolante immunitario, lassativo, nutritivo, rigenerante, stomachico, tonico e vulnerario. Le radici sono antibatteriche, antimicotiche, antinfiammatorie, antireumatiche, lassative, astringenti, amare,coleretiche, calmanti, decongestionanti, depurative, digestive, diuretiche, epatiche, stimolante immunitario, lassative, nutritive, purganti, sedative, stomachiche e toniche.
I fiori sono cardiotonici, emollienti, epatici e vulnerari. Anche la linfa dello stelo è utilizzata, essendo un calmante, antimicotico e vitaminizzante.

Raccogliamone, chiedendogli permesso, qualche giovane foglia per la farne una tisana a colazione e, perchè no, anche per l’insalata del pranzo e la depurazione avrà inizio!Ringraziamo il Tarassaco e congendiamoci perché qualche metro più in là già vedo le slanciate foglie di piantaggine lanceolata, che da giovani hanno uno speciale retrogusto di fungo porcino (così come anche le sue infiorescenze), le quali fanno capolino come “orecchie di lepre”, ottime per preparare risotti!

Plantago, l’umile pianta del “cammino” perché, un tempo, i viandanti la applicavano come di soletta o di cerotto sulla pianta dei piedi, lesionati dal camminare. Le sue foglie venivano impiegate come impacco da porre a contatto con le ferite, per bloccare il sanguinamento e favorire la guarigione e la cicatrizzazione. Utile rimedio lenitivo anche per le punture di insetti.
La tradizione popolare narra che le foglie siano formate da cinque fili d’erba cuciti da una fata, per aiutare un sarto che aveva venduto la sua anima al diavolo.
Saranno forse queste leggende oppure l’umido del mattino, ma sento qualche brivido…

Meglio muoversi e saltellare un pò per riscaldare il corpo e rompere la stasi degli schemi e dei torpori invernali.
Correre in discesa è fortemente liberatorio e tra le zolle c’è il simpatico rischio di fare anche qualche bel ruzzolone ma.. l’atterraggio sul grano in erba è sempre morbido!

Se avete un amico a 4 zampe al vostro fianco, o qualche cucciolo di uomo, lasciatevi ispirare dalle loro spontanee movenze e liberate la mente dai fardelli dell’età adulta. Anche questa è depurazione.

La medicina cinese insegna che in primavera l’elemento naturale, che parla al nostro corpo, è il legno espressione degli alberi e della loro costante ed elastica e continua crescita tinta di verde e marrone.
Il vento è la voce della primavera, l’energia di questo elemento si esprime e si muove attraverso il mondo vegetale, i fili d’erba e le folte chiome tutto in natura danza grazie al vento, così come nel nostro corpo i tendini, i muscoli e gli arti sono mossi dall’energia del fegato che gonfia le nostre vele con il suo poderoso Qi dal fare pervasivo, irruento, creativo e illuminante che sta a fondamento dei grandi cambiamenti e della voglia di rinnovamento che ci abita in questa stagione in cui i nostri progetti riprendono vita e vigore, come germogli, come getti pieni di nuova linfa che risale!

Un fegato non in salute porta la persona ad essere impaziente, irosa e con sentimenti di rabbia. Invece un fegato ben equilibrato porta la persona ad essere paziente e tenace, con ampio potenziale di rinnovamento: il rinnovamento appunto primaverile.

Dentro di noi l’energia del fegato assume il compito fondamentale di armonizzare, organizzare e permettere la libera circolazione del Qi, del sangue e dei liquidi, ruolo simile a quello di uno stratega militare o di un direttore d’orchestra; per questo è in stretta collaborazione con tutto il nostro corpo, e per questo il suo movimento nel meridiano corrispondente condiziona:

  • il nutrimento e la salute dei nostri muscoli,
  • il flusso mestruale,
  • la buona digestione degli alimenti – e delle impressioni!
  • Il buon funzionamento dei nostri organi genitali,
  • la natura delle nostre emozioni.

Inoltre governa gli occhi (congiuntiviti primaverili) e si manifesta nelle unghie (difesa e aggressività). Il suo movimento sale e soprattutto ha bisogno di fluidità, di libertà e di possibilità.

Il Fegato teme e soffre la stasi, del corpo come delle emozioni, ogni forma di blocco e di limite. Spesso, quando il Qi del fegato trova impedimento o frustrazione, si esprime con rabbia e rancore..in questi casi Holly, Willow, Crab,  Apple e Vine sono i fiori che possono riportarci all’amore incondizionato e al fluire delle energie armonizzando quel senso di inasprimento, irritazione e tensione dato da energie congestionate e trattenute.
Il movimento legno ci parla dello yang, dinamico, estroverso, veloce nei suoi cambiamenti. Ogni forma di ristagno e di difficoltà nel movimento, a livello fisico e fisiologico, indica quella che in medicina tradizionale cinese viene definita una stasi del Qi di Fegato. Così come ogni forma di stasi emotiva – prevedibilità, apatia, torpore, immobilità, ecc..introversione, difficoltà alla progettazione e all’ intraprendenza, paura, incapacità di prendere decisioni, frustrazione, mancanza di radicamento, ansia, insonnia, sonno agitato.
È il fegato a dare entusiasmo e vitalità alla nostra vita, a bilanciare i diversi volumi delle emozioni che si affacciano costantemente alla nostra coscienza e che chiedono di essere espresse senza rimozioni. Inoltre è la vescica biliare, con le sue espulsioni tempestive di bile che quando occorre offre risposte efficaci ed armoniose nei momenti stressanti della nostra vita, favorendo scelte, decisioni..e facilitando la digestione spirituale.

Ma continuiamo la danza selvaggia tra i campi a caccia di sapori selvatici…e quest’anno pensiamo ad una depurazione alternativa fatta di veri gesti ed azioni e non solo di beveroni!

In realtà non occorre ricercare nessuna formula magica o panacea miracolosa, la natura parla sempre molto chiaramente e un semplice sopralluogo sul terreno sotto casa può trasformarsi in una provvidenziale raccolta di sapere e benessere in compagnia delle erbe, che crescendo sotto ai nostri occhi, portano alle nostre orecchie la voce del grande spirito che pone attorno a noi tutto ciò che occorre al nostro corpo e alla nostra anima, in tutte le stagioni!

 

BUONA SALUTE A TUTTI DAI CAMPI E DALLE TAVOLE DI REMEDIA CHE VI ASPETTA CON I SUOI EVENTI PRIMAVERILI!

Scopri di più, cliccando sui link sottostanti:
Stagionando – La Cosmesi Naturale
Pieno di Vita

 

 

Dalla Raccolta alla vostra tazza

di Rosa

QUALE CALOROSO RITUALE “TI-SANA” DAI MALANNI DI STAGIONE ?

Per coloro che non se lo sono mai chiesto:

vita e segreti delle Tisane di Remedia, dalla raccolta alla vostra tazza.

 

Durante la stagione autunnale e invernale siamo naturalmente più attratti e coinvolti dall’amorevole e calda consolazione di una buona tisana.
Le ore di luce e il calore sono diminuiti, perciò anima e corpo rivivono nella tisana un momento di vero ristoro: l’aromatica e vaporosa scia che l’infusione, disegna nell’aria, riporta dentro di noi il respiro stesso delle erbe, rivestendoci della loro stessa aura rituale, un momento da godersi in solitudine ma altrettanto magnifico da condividere con altri. Pensate a quando si versa la tisana nelle tazze dei presenti a quell’attento silenzio che si crea.

Non è come fondersi insieme nella reciproca e profonda esigenza, che è il dare e il ricevere, accoglienza e calore?

Tenere una tazza fumante tra le mani parla direttamente al cuore ed evoca l’immagine archetipica del focolare domestico.
Lucilla insegna : “Scandire il ritmo rettilineo di una giornata d’azione con piccole bolle di sferica calma assaporando una calda ti-sana è una forma di sacro godimento che aggiusta l’esistenza, che concilia lo scorrere del tempo veloce e appaga il cuore e l’animo”.

A Remedia, forse ormai lo sapete, effettuiamo la raccolta delle piante quando il tempo balsamico della pianta stessa suggerisce di farlo, seguendo i precetti della tradizione caldea. Scegliamo di fare questo per captare, durante la raccolta, tutti i talenti terapeutici e simbolici, delle nostre sorelle vegetali quando ci sorridono splendenti sotto i raggi del sole mattutino, non appena la rugiada è completamente evaporata dai loro verdeggianti e fioriti corpi.

Pensate un po’, durante la fase di Luna crescente, meglio se ascendente, raccogliamo la parte aerea della pianta, nei giorni in cui la Luna transita in segno di Acqua mentre le parti fiorite quando la Luna transita in un segno di Aria.
Queste accortezze traducono al meglio nei corpi vegetali informazioni, influssi ed impulsi celesti, riuscendo a rendere preciso e oculato anche il più semplice gesto della raccolta arricchito da questa scelta di ascolto empatico che, Lucilla ed Hubert, insegnano a tutti noi Remediani a nutrire nei confronti delle forze cosmiche invisibili e dell’Universo.

Lo sento vero, come un gesto di rispetto delle leggi che risiedono nei vari regni e nei diversi popoli, poiché penso che anche il regno vegetale e lo stesso popolo delle piante, apprezza ed è onorato, quando coloro che giungono in visita da un altro popolo e da un altro regno, si presentano mostrandosi desiderosi di conoscere al meglio quelli che sono gli usi, i costumi, i ritmi e i segreti che la natura ha riposto nella loro individualità.
Con delicatezza potremmo così trasportare nella nostra raccolta proprietà molto più sottili, che esulano dai più noti principi attivi, offerte in dono da ciascuna pianta. Apprendiamo a coltivare gesti che danno forza e valore, non solo al raccoglitore, ma anche a tutti i fruitori del raccolto. Muoversi alla luce di questi ritmi cosmici, portando con noi l’antica conoscenza, ci rende umili e aperti, raccoglitori in connessione con la terra e con il cielo.
Terminata la fase della raccolta, quanto prima ci rechiamo nel luogo di essiccazione con tanto più gusto beneficeremo delle proprietà delle nostre future infusioni.
Il luogo per l’essiccazione è obbligatoriamente all’ombra, all’asciutto e il più possibile ventilato.

Continue reading